Depressione: comprendere la verità del dolore ci aiuta ad ascoltarlo e a guarire

separazione-depressione-300x191

La depressione è probabilmente il disturbo più curato con psicofarmaci e medicine. Ha dei sintomi evidenti, ed è diventata appannaggio di molte figure mediche abilitate a prescrivere farmaci ma non sempre adeguatamente formate sugli aspetti psicologici e relazionali della sindrome depressiva.

Non è una lotta a favore o a sfavore dei farmaci: ci sono situazioni in cui una somministrazione allevia una fatica incommensurabile e rende persino possibile una terapia. Ma la cura alla depressione non può fermarsi alla prescrizione farmacologica: rimosso il farmaco, i problemi restano.

La psicoterapia, del resto, è faticosa, lunga, non sempre (e non solo in caso di depressione) si ha voglia di affrontarla.
Come incoraggiare chi non ha voglia?

Innanzitutto va detto che i farmaci danno l’illusione della guarigione. Vale per le sindromi, come per il dimagrimento, come per altre situazioni: la risoluzione definitiva passa attraverso un cambiamento interiore, personale, sudato e faticato. Senza quello è solo un prendersi in giro aspettando che prima o poi le cose tornino al punto di partenza.

Va poi aggiunto che separare il sintomo dalla relazione è impossibile:
il sintomo, se ascoltato, è una luce nll’oscurità, illumina il cammino verso la comprensione e la guarigione.
Per essere ascoltato, quindi, un sinomo ha bisogno di un Altro.

Un Altro che nella depressione scompare, insieme a tutto il resto, in una netta percezione di inutilità: si vede la vita scorrere lontano da noi, in una sensazione di non appartenenza, di anestesia, talvolta anche di dolore acuto.

La depressione è vuoto, solitudine, mal di vivere. Il lavoro di “accompagnamento” in questo percorso richide tanta forza, capacità di sostegno, pazienza, perseveranza incessante. Anche quando ogni mossa sempre inutile, è la presenza costante e contenitiva a fare la differenza.

Accompagnare qualcuno è aiutarlo a guarire.
La scelta del terapeuta è un fatto molto delicato, ma ci sono molti presupposti per scegliere nel modo migliore per noi.

Se vuoi leggere una storia che parla di questo, clicca qui.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...